Birrificio Montevecchio 4 Mori

Cari amici questa volta siamo in un posto molto speciale…proprio in questa fantastica cornice di Montevecchio, mio marito mi fece la sua dichiarazione d’amore e mi chiese di sposarlo. Tornare da queste parti per me ha un sapore sempre magico.

Oggi siamo in compagnia di Matthias Muller, il Mastro Birraio del birrificio  Montevecchio 4 Mori, e gli chiediamo…

Matthias il birraio ago 15 1

Come è nata la vostra azienda?

Il progetto per la realizzazione del birrificio  Montevecchio 4 Mori nasce nel 2005 dall’idea di due amici che hanno pensato di unire la passione per il modo delle birre artigianali con le proprie competenze nel settore della creazione di impresa. I primi anni sono stati dedicati allo studio, ai viaggi per l’europa finalizzati alla conoscenza delle diverse realtà produttive. 

Nel 2013 dopo l’ingresso di altri due soci, tra cui il mi0, e l’aggiudicazione di un bando del Comune di Guspini inerente l’assegnazione della sede dello stabilimento,  il progetto si concretizza con l’avvio delle prime produzioni.

 

Che bella questa location…per me poi, ha un ricordo particolare, raccontami:

Il Birrificio sorge in un antico locale delle miniere di Montevecchio di Guspini dei primi anni del 900 originariamente adibito a centrale elettrica: si è attuato un intervento di riconversione industriale mediante il recupero di una vecchia area ormai dismessa che ha dato al Birrificio una forte identità e connotazione storica del territorio. Abbiamo pensato di creare un progetto   che ci legasse fortemente al   territorio con il coinvolgimento di  diversi attori quali le  Istituzioni,  l’Università, gli Istituti Scolastici con gli  studenti, giovani artisti, poeti e scrittori sardi.   Le nostre  birre raccontano di un territorio con un grande passato e lo proiettano nel futuro; Crediamo che si possa fare impresa non pensando solo all’aspetto economico ma anche a quello socio-culturale e ambientale. Puntiamo alla realizzazione di birre di elevata qualità in un ottica di valorizzazione e salvaguardia del territorio. In passato il territorio è stato “sfruttato”, ora  è nostro compito ridargli valore.

La mia presenza nella compagine societaria ha consentito di curare la  progettazione degli impianti e la definizione dei processi produttivi con l’individuazione degli stili produttivi;

Il progetto prevede l’abattimento delle emissioni di Co2 e la riduzione dell’impatto ambientale nell’arco dei prosimi 5 anni mediante l’impiego di energie alternative. La mission è creare un modello di produzione che preveda l’utilizzo efficiente delle risorse, in sintonia con la qualità del prodotto.

Wow! Questo è fantastico complimenti, se dovessimo chiedervi quali sono i vostri punti di forza?

I punti di forza sono i seguenti:

– identità territoriale;

– rispetto dell’ambiente;

– location;

– competenza tecnica sia sugli impianti che sulla produzione;

Beh non fa una piega, allora la domanda nasce spontanea: Perché scegliere voi? Cosa vi distingue dagli altri? 

Il Birrificio, in questa prima fase, ha scelto di produrre birre a bassa  fermentazione seguendo l’antico Editto della purezza tedesca del 1516. Attualmente il Birrificio4Mori è uno dei pochi  in Sardegna a produrre birra a bassa fermentazione secondo le tecniche della infusione e della decozione.  La maggior parte degli  atri birrifici isolani si sono specializzati sull’alta fermentazione. Nel contempo il birrificio produce anche una birra ad alta fermentazione La Pozzo 20. Si tratta di una nuova Birra Stile Red Ale. I punti di forza dei nostri prodotti sono dati dalla qualità, dalla stabilità e dalla capacità di produrre birre di entrambi gli stili bassa e alta fermentazione.

Bene ora ci hai fatto venire voglia di una birra! Parlaci delle tipologie

frumento

Pozzo 16

È una birra cruda a bassa fermentazione, stile lager, con una delicata luppolatura e gradevole frizzantezza.

Stile: Lager – Gradazione alcolica: 4,7% vol.  – Fermentazione: bassa .

Abbinamenti consigliati: ideale come aperitivo o dopo il lavoro e a tutto pasto, con carni bianche, pizza, pesce, formaggi freschi, sushi e frutti di mare crudi.

Pozzo 9

È una birra  cruda a bassa fermentazione, con una schiuma cremosa e persistente, stile  lager, dove prevalgono i sapori

del malto, il gusto rotondo e note di caramello.

Stile: Lager ambrata – Gradazione alcolica: 5,5% vol. – Fermentazione: bassa .

Abbinamenti consigliati: ideale a tutto pasto, carni rosse, pizze e formaggi stagionati.

Pozzo 5

È una birra cruda a bassa fermentazione dal colore scuro con una schiuma compatta e persistente, stile Dunkler Bock. Il profumo e l’aroma sono maltati. Il corpo rotondo regala un piacevole retrogusto di frumento affumicato con legno di quercia

Stile: Dunkler Bock – Gradazione alcolica: 6,3% vol.  – Fermentazione: bassa.

Abbinamenti consigliati: salumi, formaggi molto stagionati, arrosti, dolci a base di cioccolato.

Bene allora…Salute!!!! e ci vediamo ad #ismaistus2016

Stefania Salvatore

#travelblogger

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *