BENVENUTI ALLA FELICITÀ AL QUADRATO!

Chi mi segue sa che come #testimonial #influencer e #travelblogger non predico cose folli e non faccio promesse di nuovi follower e cuoricini, ma ciò che faccio è scrivere con passione e trasporto le mie esperienze di viaggio, in modo che, chi ancora indeciso sulla meta, nel leggermi trovi le risposte ai suoi dubbi. Io non scrivo per vendere, primo perché la @costacrociere non usa questo sistema, secondo perché il mio intento sta nel creare interazione, contenuti validi ed utili per il viaggiatore, poi ovvio se una cosa mi piace particolarmente cerco anche di convincervi che state facendo la cosa giusta.

Era da anni che volevo provare la crociera e questa volta trovando il volo diretto da casa mia non avevo più scuse. L’azienda Costa è molto attenta nella scelta dei suoi partner e trovare  il volo charter Neos che partiva con volo diretto da Alghero per me è stata la caratteristica principale che mi ha fatto scegliere questa crociera fra tutte quelle proposte.

Family friendly 100%: L’attenzione verso i piccoli si percepisce già da qui, schede per colorare e kit di giochi per intrattenerli a bordo. Come tutte le mamme so quanto è difficile far stare seduti e tranquilli i bambini per tutte quelle ore, ma Neos ha pensato anche a questo. Viaggio comodo e personale molto gentile hanno chiuso il cerchio per la prima parte del viaggio.

IMG_0328

Venerdì 11 marzo Ore 15:30 – Partenza da Alghero con arrivo all’aeroporto di Dubai alle 24:00 circa ( loro ora locale + 3 ore). Un’altra piccola ma sostanziale attenzione, i bagagli imbarcati vengono direttamente portati in camera sulla nave, per alleggerire le procedure di imbarco. Il nostro Riccardo, cullato dal viaggio in aereo si addormenta, perciò al nostro arrivo qualunque persone ci veda ( controllo passaporti, imbarco costa, consegna chiavi della camera) ci fa passare avanti a tutti. Da li ho realizzato che la crociera è veramente focalizzata per il target famiglie, con tutte le attenzioni che vi elencherò nel resto del mio blog.

Consegnate le chiavi della camera ci consigliano di salire al ponte 9 dove c’è a nostra disposizione un buffet, ne approfittiamo per iniziare a prendere confidenza con gli spazi della nave, la Costa Fortuna e la nostra camera 1215.

Il Comandante Giambattista Mancini, i suoi ufficiali e tutto l’Equipaggio danno un benvenuto speciale a tutti noi!

Siamo a Dubai Capitale di uno dei sette Emirati Arabi Uniti, Dubai City è oggi una delle più importanti metropoli del XXI secolo. Il suo fascino non risiede nel patrimonio artistico o culturale cittadino, ma nell’ideale che offre: una terra di lusso e ricchezze proiettata nel futuro. Alcune testimonianze della breve storia dell’emirato sono visibili al Museo di Dubai, situato nel forte di Al-Fahaidi. Il forte, costruito all’inizio del XIX secolo, è l’edificio più antico della città ed è stato la sede del governo per molti anni.

La decisione del governo di diversificare l’economia per puntare maggiormente sui servizi e il turismo ha contribuito ad aumentare il valore della proprietà immobiliare, che negli anni tra il 2004 e il 2006 ha vissuto un vero e proprio boom. Vi ricordate nel 2008? Dopo cinque anni di lavoro, è stato inaugurato il mondo; arcipelago artificiale formato da trecento isole che se visto dall’alto richiama il nostro pianeta. Nel 2015 sono state completate le tre palme, ovvero delle penisole create artificialmente nel Golfo Persico e la cui forma richiama quella dell’omonimo albero. La zona forse più bella dal punto di vista turistico è quella di Jumeraih, dove la catena alberghiera di proprietà della famiglia Al Makut ha creato quattro tra le strutture alberghiere più belle, tra le quali l celebre Burj al-Arab (Torre degli Arabi), che è diventata l’icona di Dubai nel mondo.

Oggi siamo ancora spaesati e andiamo a dormire alle 4:00 del mattino carichi e desiderosi di scoprire tutto ciò che ci offrirà questa fantastica esperienza.

Sabato 12 marzo ore 9:30 – Ponte 9 – decidiamo di fare la colazione a buffet perché il ristorante sta per chiudere, ma non preoccupatevi, si mangia comunque e ben serviti a tutte le ore e per tutti i gusti. Come promesso al nostro bambino ci avviciniamo a conoscere lo Squok Club, il mini club della Costa Crociere che ospita i vostri figli dall’età di 4 ai 12 anni e che vi farà passare dei momenti di relax incredibili! Strano da credere ma il nostro Riccardo da subito si trova a casa sua e chiede in continuazione di essere portato lì. Felici della cosa ci sentiamo più sereni nell’organizzare tante cose dove lui non si divertirebbe o si stancherebbe ( visto anche le forti temperature).

Ore 13:00 Suono delle sirene… si parte per Muscat

IMG_0470

Bellissimo vedere la nave partire, è una festa, sia per chi sta a bordo sia per chi sta nel pontile…direzione Muscat. La capitale del Sultano dell’Oman ed una delle più antiche città del Medio Oriente. È conosciuta fin dal II secolo, quando era un crocevia per il commercio dell’incenso, che dall’Arabia Meridionale, veniva esportato in Grecia, a Roma e tutto il Mediterraneo. Il centro di questo commercio era un luogo chiamato Khoury Rouri, che i greci chiamavano Muscat.

Domenica 13 Marzo ore 8:30 – Arrivo a Muscat

Soltanto a crepuscolo del mattino sarà possibile avvistare il profilo roccioso delle coste dell’Oman. Onestamente siamo molto stanchi e questa escursione nella città la saltiamo, vogliamo prendere confidenza con la nave, conoscere l’equipaggio e fare quattro chiacchiere con loro per capire cosa ci aspetterà. Ma soprattutto, sin da subito ci rendiamo conto che l’animazione è veramente molto presente ed originale. Perciò andiamo a fare amicizia proprio con lo staff e cerchiamo di renderci disponibili alle serate che si stanno organizzando. Nel mentre il nostro piccolo ometto fa pratica con la prova divisa per la cena di gala dove mangerà con il comandante e ballerà con le principesse “Capitain for a day”.

IMG_0495

 Il nostro ristorante è Michelangelo è dalle 12:30 alle 14:00 possiamo andare a farci coccolare dai simpatici camerieri che ci adorano. Però noi oggi abbiamo tutta la nave per noi, abbiamo scelto di non fare escursioni…la piscina idromassaggio è vuota e ci sembra giusto approfittarne.

DCIM105GOPRO

Ma state tranquilli il ponte 9 è sempre pronto a tutte le vostre esigenze, che si tratti di uno snack voloce o che si tratti di un pasto completo.

Domenica 13 Marzo – ore 14:00 – Partenza per Fujairah

È il porto dello Stato del Fujairah, uno dei sette Emirati Arabi Uniti. Si trova di fronte al Golfo dell’Oman e costituisce il miglior punto di partenza per esplorare la costa orientale. La città ha mantenuto le caratteristiche tipiche della cittadina araba tradizionale. Il Museo locale ospita mostre archeologiche ed etnografiche, mentre a 12 Km da Fujairah è possibile visitare Bithna, nota per i suoi siti archeologici.

Ma oltre a prendere informazioni sulla prossima destinazione in nave c’è grande fermento per la Cena di Gala che sarà proprio questa notte. Tutti sono tirati a lucido, le signore corrono dai parrucchieri e sistemano i vestiti. Io personalmente ho l’invito più importante della mia vita…Mio figlio Riccardo, Capitano per un giorno mi ha inviato al gran ballo con lui e sono molto emozionata.

IMG_0569

 

Un’esperienza indimenticabile che porterò per sempre con me e che consiglio vivamente a tutti.

In merito alla cena di Gala posso solo dire che ogni sera lo chef del Ristorante Michelangelo dedica il proprio menù ad una regione italiana e guarda caso per oggi è stata scelta proprio la Sardegna…quindi fiumi di Cannonau, agnello marinato con zafferano, rana pescatrice, maialino rivisitato in una veste molto sfiziosa e crema al mirto.

Balli, canzoni amatoriali e tanta allegria ci accompagnano fino alla tarda notte…un tuffo in discoteca e poi la staffa dal nostro barman preferito!

Arriviamo in camera con la serenità che l’indomani avremmo una giornata intera a Fujairah…solo mare e relax!

Lunedì 14 Marzo – ore 10:00 – Partenza per la nostra giornata a  Fujairah

Non potevamo fare scelta migliore… giornata fantastica, ci sentiamo rigenerati e pronti alle nuove avventure. Proprio così, oggi l’animazione ha preparato la notte bianca, quindi tutti rigorosamente vestiti di bianco ci dirigiamo verso il divertimento.

IMG_0518IMG_0506IMG_0509

Pronti a salutare anche questo emirato si parte alla volta di Abu Dhabi…ciao Fujairah è stato fantastico conoscerti, ma ora dobbiamo andare…la notte è lunga e la grande festa accompagnerà la navigazione notturna. Passiamo a salutare il nostro amico al bar e poi a nanna.

IMG_0467

IMG_0727

Martedì 15 Marzo – ore 7:00 – Arrivo ad Abu Dhabi (il padre della gazzella)

La giornata sembra non essere delle migliori, ma noi abbiamo comunque la nostra escursioni con la guida per conoscere l’Emirato più ricco dei sette riuniti, sede del governo federale. L’economia dell’emirato si basa quasi esclusivamente sull’industria petrolifera, sfruttando i suoi giacimenti scoperti nel 1959. Produce annualmente circa 100 milioni di tonnellate di petrolio.

Antichi resti archeologici ritrovati in Abu Dhabi testimoniano che già nel III millennio a.C. la regione era abitata da pastori nomadi e da pescatori. La moderna Abu Dhabi affonda le sue origini al sorgere di un importante confederazione tribale, i Bani Yas, nel tardo XVIII secolo, che assunsero anche il controllo di Dubai. Nel XIX secolo questa confederazione si spezzò in due rami: quello di Dubai e quello di Abu Dhabi.

Nella metà del XX secolo, l’economia di Abu Dhabi ha continuato ad essere sostenuta principalmente dall’allevamento del cammello, dalla produzione di datteri e verdura nelle oasi nell’entroterra di Al Ain e Liwa, dalla pesca e dalla raccolta delle perle al largo della costa di Abu Dhabi. La maggior parte delle abitazioni ad Abu Dhabi erano costruite con foglie di palma, mentre le famiglie più ricche occupavano capanne di fango. La caduta del settore delle perle avvenuta nella prima metà del XX secolo ha creato disagi per i residenti di Abu Dhabi, visto che il settore delle perle rappresentava la fonte principale delle esportazioni.

IMG_0734

La prima fermata in questi interessanti monumenti all’ingresso della città che rappresentano: un bruciatore, una moka per il caffè e un contenitore d’incenso. La guida ci spiega che queste sono le tre fasi di ospitalità e rispetto della tradizione araba nei confronti delle altre civiltà. Infatti se voi venite invitati a casa di un arabo noterete per prima cosa entrando un profumo particolare ( derivante da un bruciatore di incensi) successivamente verrete invitati a prendere un caffè come segno di ospitalità ( che vi verrà servito o dal padrone di casa o in sua mancanza dal figlio primogenito) e prima di andare via verrete profumati con l’incenso.

IMG_0743IMG_0744IMG_0745

Il tour prosegue con la visita del museo della città dove sono stati posti antichi ritrovamenti dell’attività di scambi commerciali mercantili dei nativi. Qualsiasi posto istituzionale visitiate troverete sempre queste foto.

Il primo in ordine Zayed bin Sultan Al Nahyan è stato un sovrano emiratino, emiro di Abu Dhabi dal 1955 al 2004 e presidente degli Emirati Arabi Uniti dal 1971 al 2004.

Il secondo è il principe Shaykh Zāyed Āl Nahyān è l’attuale Presidente degli Emirati Arabi Uniti in carica dal 4 novembre 2004, nonché emiro dell’emirato di Abu Dhabi e governante della città stessa, figlio primogenito dello scomparso Zāyed bin Sulṭān Āl Nahyān è fratello di Mansur bin Zayd Al Nahyan, presidente del Manchester City nonché cugino di fatto di Tamim bin Hamad al-Thani, emiro del Qatar e proprietario del PSG.
È considerato dalla rivista statunitense Forbes uno degli uomini più ricchi del mondo, con un patrimonio stimato di circa 21 miliardi di dollari.

Il terzo Shaykh Manṣūr bin Zāyed Āl Nahyān  è uno dei figli dello Shaykh Zayed bin Sultan Al Nahyan e fratellastro del presidente degli Emirati Arabi Uniti Khalifa bin Zayed Al Narayan. Si è laureato in relazioni internazionali nel 1993 negli Stati Uniti.

IMG_0747

Ecco la bandiera degli Emirati Arabi Uniti: è stata adottata il 2 dicembre 1971. La bandiera è composta da una banda verticale rossa (il sangue che è stato versato per unire gli emirati) sul lato del pennone e da tre bande orizzontali sul lato al vento: di verde (fertilità), bianco (neutralità) e nero (ricchezza petrolifera nei confini del Paese), dall’alto in basso.

IMG_0750IMG_0752IMG_0760IMG_0761IMG_0769IMG_0779IMG_0777IMG_0776

Passiamo davanti alla residente del sultano e ci accorgiamo stranamente che è priva di grandi controlli al che ci viene spontaneo chiedere alla guida come fa a stare così tranquillo. Lui ci risponde che è molto amato e nessuno gli farebbe del male anzi.

IMG_0785IMG_0788IMG_0789IMG_0846IMG_0791IMG_0792

IMG_0794IMG_0848IMG_0801IMG_0802IMG_0847IMG_0860IMG_0811

Una carrellata della marina e dello skyline della città e via al museo del mare.

IMG_0815IMG_0817IMG_0818IMG_0822IMG_0825IMG_0826IMG_0828IMG_0829IMG_0830IMG_0831IMG_0832IMG_0833

Una bella escursione che in metà giornata riuscirà a farvi conoscere appieno la città e poi potrete tornare a bordo per un po’ di meritato relax!!!

IMG_0861

IMG_0458IMG_0428IMG_0438IMG_0440

Più stanchi del solito ( si vede dalle nostre facce e da richy che è a penzoloni in braccio) beviamo il nostro drink e andiamo a nanna.

IMG_1098

Benvenuti alla felicità al quadrato!!!!!!

Mercoledì 16 Marzo – ore 15:00 – Partenza per Dubai

Giovedì 17 Marzo – ore 13:00 – Arrivo a Dubai

Un passaggio doveroso al mattino allo Squok Club dove Riccardo accumula amore e tanta serenità e poi un po’ di relax prima della visita alla Regina degli emirati DUBAI.

IMG_0893IMG_0897IMG_0900IMG_0902IMG_0905IMG_0919IMG_0917IMG_0923IMG_0924IMG_0926IMG_0928IMG_0929IMG_0930IMG_0931IMG_0940IMG_0938IMG_0944IMG_0950IMG_0954IMG_0963IMG_0964IMG_0966IMG_0967IMG_0968IMG_0969IMG_0971IMG_0972IMG_0974IMG_0977IMG_0978

IMG_1079

Ebbene sì scegliamo di prendere una macchina a noleggio con conducente (trattando sempre il prezzo prima di salire) e fare un tour tutto nostro. Per me era la quarta volta che andavo a Dubai ( 2008, 2009, 2010 e infine 2016) La prima per lavoro perché il mio capo che aveva una società di import export a Londra e diversi ristoranti mi aveva mandato per creare dei contatti per aprire un business. L’anno successivo ci tornai per piacere e lavoro, nel 2010 in viaggio di nozze, come pre tappa prima delle Mauritius. Infine ora in Crociera.

Vista la mia profonda conoscenza della città l’idea di fare un tour da soli era la cosa migliore. Cosa fare a Dubai in 6 ore. La mia decisione andò sui siti principali:

Foto wow al Burj Al Arab

Jumeirah beach hotel

Pacha

Dubai Mall

Dubai Marina

Fontane di Burj Dubai
Burj Khalifa
Buddha Bar
Venerdì 18 Marzo – ore 13:00 – Secondo giorno a Dubai
IMG_1063IMG_1080

 

Decidiamo di andare all’Hard Rock Cafè per comprare il souvenir d’hoc del Travellblogger

Per il resto facciamo gli ultimi giri in nave ed iniziamo a preparare le valige perché l’indomani ci aspetta una lunga giornata di rientro.

Non mi resta che salutarvi, ringraziare la Costa Crociere per questa opportunità, spero che il mio articolo piaccia e possa essere utile a molti futuri croceristi indecisi.

Io l’ho scritto con il cuore e cercando di trasmettervi tutte le emozioni che questa esperienza mi ha lasciato. Se avete dubbi o richieste particolari usate il modulo commenti e contatti in fondo alla pagina.

Stefania Salvatore

#travelblogger

IMG_1068IMG_1069IMG_1070IMG_1082

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *